Bollicine solo italiane

SOLO SPUMANTE ITALIANO E NIENTE CHAMPAGNE: UNA SCELTA CORAGGIOSA NON DETTATA DA NAZIONALISMO

Da sempre gli appassionati delle bollicine si dividono tra Francia e Italia: una battaglia che si ripete dalla metà del 19° secolo con l’arma dei calici riempiti.
Già gli antichi Romani consumavano un vino frizzante molto dolce: non tanto una versione arcaica dello Spumante, quanto, più semplicemente, del mosto ancora in maturazione.

Fu nel XVII secolo che il monaco benedettino francese Dom Pierre Pérignon nell’abbazia di Hautvillers inventa lo champagne, ovvero un tipo di vino molto dolce e frizzante con la spuma che fuoriesce dalla bottiglia nel momento dell’apertura.

E lo spumante italiano? Seppure nel medioevo e nel rinascimento si trovano numerosi scritti riguardanti dei vini simili allo Spumante, bisogna aspettare il 1865 per avere la prima testimonianza ufficiale di spumante italiano. I Fratelli Gancia e il Conte Augusto di Vistarino dopo una serie di sperimentazioni eliminarono gli sciroppi che i produttori francesi utilizzavano nella preparazione, dando vita ad uno champagne grezzo a base di moscato (il vitigno utilizzato per il loro vino). Lo “Champagne italiano” conquista tutti in poco tempo, grazie soprattutto al costo decisamente inferiore rispetto alla versione francese. Da allora e fino ai nostri giorni si è affinata moltissimo la preparazione dello spumante, attraverso l’utilizzo di altri vitigni e con differenti metodi di lavorazione, ottenendo così numerose versioni adatte a qualsiasi palato.

Ad oggi è possibile bere tantissimi tipi di spumante italiano, tutti dalle sfumature e dal gusto diverso. Nonostante sia nato da una rivisitazione dello champagne francese, lo spumante Made in Italy è riuscito sin da subito a tenergli testa non solo affermandosi nel mercato globale come sua valida alternativa ma, soprattutto, a raggiungere livelli di qualità davvero elevatissimi. Nella classifica delle bollicine italiane preferite nel mondo ci sono tra gli altri il Prosecco, l’Asti e il Franciacorta che ormai sfidano alla pari il prestigioso Champagne francese, tanto che proprio sul mercato transalpino si registra una crescita record delle vendite del 30%.

Noi di Enoteca Guerrini vogliamo offrire prodotti di eccellenza con il migliore rapporto qualità/prezzo possibile. Per questo motivo e per contribuire a sfatare il mito secondo il quale lo Champagne Francese è senza dubbio migliore dello Spumante Italiano, abbiamo deciso per questo Natale di operare una scelta coraggiosa: solo bollicine Italiane. Questo con la certezza di offrire un ottimo servizio ai nostri clienti.

Un calice di bollicine